• Alessio Borromeo

CAMBIO DI MINDSET


Chi mi conosce almeno un po' sa che continuo a studiare e ad aggiornarmi, che leggo decine di libri all'anno, che leggo pochissimi libri che trattano l'argomento cani. Negli ultimi dodici mesi il mio interesse per argomenti diversi è cresciuto esponenzialmente.


La conoscenza specifica, teorica e pratica, della materia sulla quale si lavora è fondamentale. Possiamo impacchettare il nostro regalo con una bellissima carta lucida e uno splendido fiocco glitterato, ma se il regalo è scadente la carta e il fiocco non ci faranno apparire migliori.


C'è un però: per quel che mi riguarda le conoscenze specifiche sull'argomento cani, o lupi, o animali non sono sufficienti.


Ho la fortuna di potermi rapportare con decine di persone quotidianamente, i miei clienti, e ho la fortuna di poter fare altrettanto durante il fine settimana quando decido di tenere uno dei miei stage. Sono centinaia e centinaia di persone l'anno.


Immaginatemi sul campo di lavoro con una decina di persone e di comporre con loro un cerchio. Queste persone sono lì per lavorare con me, sono lì perché vogliono apprendere qualcosa di nuovo che riguarda il comportamento del loro cane, sono lì perché vogliono imparare qualcosa che non conoscono.


Per sentirsi davvero coinvolte, le persone, hanno bisogno di vivere un esperienza, di essere prima ascoltate e poi portate all'interno di una narrazione. L'ho imparato con gli anni e sulla mia pelle. All'inizio della mia esperienza, una decina di anni fa, la gente non tornava dopo la prima lezione o tornava senza alcun progresso, avuto dal cane, rispetto all'incontro precedente.


Per questo mi affannavo nello studio dell'etologia, dell'etologia canina, dei lupi; leggevo e studiavo quanto più possibile così da ampliare le mie conoscenze sull'argomento specifico. Volevo capire e risolvere il problema del cane in modo da dare al cliente quel risultato che tanto si aspettava.


Il tempo, le vittorie, le sconfitte. Poi ho capito che le mie conoscenze erano sufficienti a poter risolvere i problemi dei cani che la quotidianità lavorativa mi metteva davanti. Non mi sono mai sentito arrivato, sapevo però di riuscire a risolvere le problematiche per le quali i clienti si rivolgevano a me.


Ad un certo punto mi sono reso conto che questo non era abbastanza, volevo fare un passo in più, volevo offrire qualcosa di diverso, di migliore.


Allora eccomi in quel cerchio. Il primo passo non è più far scendere dalla macchina i cani, uno alla volta, e lavorare sul problema che il cliente mi presenta.


Ognuno di noi ha talenti nascosti che nessuno ha ancora portato alla luce. Ecco perché il primo passo è quello di riuscire a comprendere le persone all'interno del cerchio, a cui dare un valore aggiunto.


Il mio compito, quindi, in prima istanza, è guidare le persone che ho davanti alla scoperta di lati nascosti del proprio sé, così che possano usare quella parte nascosta per relazionarsi in maniera diversa e migliore con il proprio cane.


Da qui la mia esigenza di leggere e studiare altro. Di leggere di psicologia applicata, di abitudini, di strategie comunicative, di persuasione, di publick speaking, di storytelling. Di lavorare sul mio modo di essere e di fare per migliorare il rapporto con i miei clienti, comprendere i loro problemi (non solo quelli con il cane) e immaginare la loro vita fuori dal campo di lavoro. Capite, no? Non voglio più semplici clienti che mi trovano per caso, voglio persone che mi scelgono, che abbiano voglia di sfidare le proprie credenze limitanti per trasformare la loro vita partendo dal rapporto con il loro cane.


Volete il vero successo? Ispirate gli altri a diventare quello che vorrebbero essere.


Ci vediamo nel cerchio.

13 visualizzazioni

© 2020 - Tutti i diritti sono riservati.
Balanced Dogs di Alessio Borromeo

P.IVA IT 01590050199

  • Instagram - Black Circle
  • Facebook - Black Circle
  • YouTube - Black Circle