• Alessio Borromeo

Come scegliere l'attività giusta per il vostro cane



Ogni cane ha le proprie preferenze per quel che riguarda il gioco e le attività - o sport cinofili – da svolgere.

Ci sono cani che amano i “giochi di naso”, che richiedono calma e concentrazione, e ci sono cani più portati per attività che richiedono un impegno fisico maggiore e, magari, una minor concentrazione a livello mentale; la differenza che passa tra l'attivazione mentale e il coursing, solo per fare un esempio.

Di esempi potrei farvene tanti altri. Proviamo.

Se ho un Pastore Australiano iperattivo, con una grossa dose di quella che noi umani chiamiamo “energia repressa”, non gli proporrò mai un'attività che utilizzi in maniera preponderante le energie mentali prima di avergli proposto un attività che gli permetta di sfogarsi fisicamente. Farò in modo che il cane possa sfogare la propria esuberanza, data anche - se non soprattutto - dalla razza, attraverso un attività esplosiva come può essere l'Agility.

Poi, se volessi fare ancora di meglio, al Pastore Australiano dell'esempio - ma lo stesso ragionamento lo si potrebbe applicare con ancor maggior “forza” ad un Border Collie – potrei proporre lo SheepDog, uno sport che va a lavorare sulle sue motivazioni di razza più profonde: la conduzione del gregge.

Se una razza è nata per condurre le pecore - il Border Collie - l'altra conduceva (e ancora conduce) i bovini. Il Pastore Australiano potrebbe arrivare, per questo, a mordere i garretti delle pecore ma un buon istruttore non avrà alcun tipo di problema nell’ “indirizzare” questo tipo di comportamento.

Credo che lavorare sulle motivazioni di razza sia sempre la soluzione migliore! Se, ogni volta che ho un cane problematico, avessi la possibilità di portarlo ad esercitare le proprie motivazioni di razza gran parte dei problemi comportamentali si affievolirebbero in maniera drastica.


Ricordate, però, che questa strada non è sempre perseguibile: spero che a nessuno sia mai venuto in mente di portare un Pit Bull a combattere con altri cani per risolvere un problema comportamentale!

(Che esistono i combattimenti tra cani lo so bene, ma coloro che mettono in atto tale “attività” non rientrano nella categoria degli umani, evito pertanto di prenderli in considerazione…)

Così come un Rhodesian Ridgeback non può essere portato nella savana a combattere con i leoni... Per questa tipologia di cani andrò a proporre attività che vadano a lavorare sulla forza fisica seguendo le motivazioni di razza “per quanto possibile”. Molti Rhodesian infatti, anche tra i miei clienti, praticano Canicross mentre altri fanno addirittura Coursing. Un Pit potrebbe sfogare la sua immensa forza fisica con il Weight Pull, per dire. Non è uno sport che conosco in maniera così approfondita da poterne dare un giudizio, mi serve solo per farvi capire quello che intendo.

Per contro se ho un Beagle, cane da caccia usato in origine per cacciare animali come conigli, fagiani, volpi e oggi diventato cane da compagnia, inizierò proponendo attività che vadano ad impegnare la mente prima del corpo tramite tutte le attività che sfruttano il senso dell’olfatto del cane. Per questo potrò praticare l'attivazione mentale di cui parlavo all'inizio dell'articolo o, ancor meglio dal mio punto di vista, tutti quegli sport da ricerca che fanno in modo che il cane si diverta maggiormente (e possa diventare anche un cane utile alla società) mentre usa il naso in maniera molto intensa.

Sto parlando del Mantrailing, dell'attività di ricerca sostanze, della ricerca in superficie… ma anche qui le possibilità sono quasi infinite.

Tutto questo per dire che sarebbe sempre utile assecondare le doti naturali del nostro cane; che assecondare la propensione di razza lo aiuterebbe a vivere in maniera più appagante ed a prevenire problemi comportamentali.

Senza contare che, come già accennato, l'attività giusta può essere molto utile nell'aiutarci a risolvere problematiche ormai manifeste.

Tutto questo per dire che se nella vita mi piace lo SheepDog non dovrò comprare un Dobermann, se mi piace il Mantrailing non comprerò un Rottweiler, se adoro le camminate in montagna non andrò a scegliere un Bolognese.

Tutto questo per dire che quel che piace al nostro cane è molto più importante di quel che piace a noi. [nota dell’autore: Se prendo un Malin per fare Obedience e poi mi rendo conto che, nonostante le gare vinte e le coppe che stanno sulla mensola del salotto, lui preferisce correre libero nei boschi io quello farò, senza se e senza ma… ]

#etologia #Sceltadelcane #Gioco #Caneinacqua

© 2020 - Tutti i diritti sono riservati.
Balanced Dogs di Alessio Borromeo

P.IVA IT 01590050199

  • Instagram - Black Circle
  • Facebook - Black Circle
  • YouTube - Black Circle